Nell’epoca in cui viviamo, è difficile trovarsi insieme a delle persone e non guardare, o pensare al cellulare. Forse perché siamo considerati la “Generazione Zero”? O perché siamo circondati da cartelli nei locali che ci dicono “free wi-fi”? O perché tutto ciò che ci circonda è ritracciabile tramite internet? Eppure ci stupiamo sempre quando, alla fine di una giornata o serata passata insieme a qualcuno, non abbiamo toccato completamente il cellulare, e ripensiamo a quanto sia stato bello aprirsi senza bisogno di un appiglio per mascherare l’imbarazzo, la noia.

È proprio da momenti di questo genere che nascono le cose più belle, più vere, più sane. Sono questi i momenti in cui non c’è bisogno di maschere, in cui qualsiasi tuo problema, non è banale o superficiale, ma semplicemente un qualcosa che merita attenzione. Ed è proprio così che nasce “Diamanti Grezzi”, il nuovo singolo di Giraffe.

Dopo il successo di “RUOK”, Giraffe ci propone Diamanti grezzi, nata dopo una lunga serata con i “fratelli che scolpiscono le storie coi scalpelli nel cemento delle strade”, dove i cellulari non servivano, dove si poteva parlare apertamente di tutto e senza filtri.

Questa traccia ci fa capire l’importanza del tempo, in un mondo in cui tutto corre veloce e in modo disordinato. Siamo sempre così impegnati con la nostra vita, i problemi quotidiani, il lavoro, la famiglia, gli amici, da non renderci conto che il tempo ci scivola via dalle mani come fosse polvere.

Il titolo della traccia non è casuale, e proprio come spiega Giraffe: «Siamo “diamanti grezzi” in un contesto in cui ci sembra di avere tutto, ma quel tutto non ci rappresenta mai fino in fondo››.

Diamanti grezzi è un pezzo pop-punk, che per le sonorità richiama molto Muchine Gun Kelly e Yungblun. Il singolo anticipa l’uscita dell’EP, prevista nella primavera del 2021.

Possiamo definirlo come un brano generazionale e rivoluzionario, e la cosa che ce lo conferma è il clima che ci viene fornito direttamente dalle parole del testo in sé. La prima strofa fa venire subito voglia di trovarsi in una piazza piena di gente, a baciarsi come se nulla fosse, il ritornello è un vero e proprio inno alla resistenza, e la traccia si conclude con un rap personale, che quasi quasi, ci fa prendere un fazzoletto. Questo singolo non è altro che un mix altalenante di emozioni contrastanti, che ti fa sentire pieno e appagato.

Giraffe

Chi è Giraffe?

Giraffe è lo pseudonimo di Lorenzo Passamonti, un cantautore di Tarquinia (Roma), che inizia a muovere i primi passi da adolescente, fondando il suo primo gruppo, “Le Riserve”, con il quale incide due album e suona in numerosi locali in Italia, fino all’estero. Dopo aver studiato al Saint Louis College Of Music di Roma, decide di intraprendere una carriera da solista, ed è proprio qui che decide di avere il suo nome d’arte. Il nome Giraffe non è per nulla a caso, ma va proprio a riprendere quella che è l’atipicità di questo animale, alto e “fuori dal normale”, così diverso dai tempi moderni e dalle grandi città in cui viviamo.

Con “RUOK” uscito lo scorso luglio, che è stato un grande successo, e ora con “Diamanti Grezzi”, in rotazione già in radio e nel digitale dal 12 novembre, ci sta facendo sognare con la sua musica e i suoi testi rivoluzionari.

Di Michela Sgarlata

Nessun commento

Lascia un commento

Your email address will not be published.